Antologia del Monferrato

Tu sei qui

La mattinata del primo giorno inizia con la visita ad un Infernot, un locale sotterraneo costruito scavando a mano la pietra da cantoni, un particolare tipo di pietra arenaria, o il tufo e all’Ecomuseo della pietra da cantoni a Cella Monte, paese nel cuore delle colline del Basso Monferrato.
Attraverso la visita all’Ecomuseo della pietra da cantoni è possibile approfondire la conoscenza di questa pietra da costruzione miocenica, la cui storia geologica è legata alla formazione della catena appenninica.

Il tour prosegue verso le colline nel cuore della Valcerrina, fino ad arrivare a Varengo, frazione del comune di Gabiano. Qui è prevista la visita alla chiesa dedicata a Sant’Eusebio.
L’edificio fu fondato nel XIII secolo, per essere poi ricostruito nel XVIII secolo su disegno di Francesco Ottavio Magnocavalli, conte di Varengo dal 1707.
L’accesso alla chiesa è preceduto da una suggestiva scalinata in cemento costruita nel 1927 e costituita da quaranta gradini.
La chiesa occupa il sito più alto della collina di Varengo, dal quale si può godere di una splendida vista sulle dolci colline monferrine, in particolare sul paese di Gabiano e sul suo splendido castello risalente all’VIII secolo.
Pomeriggio dedicato alla visita di Crea con il Santuario, le cappelle e il parco naturale.
Il Sacro Monte, inserito nella lista dei beni patrimonio dell’umanità, si snoda su una delle colline più alte del Monferrato con il suo percorso di cappelle tra la natura, che culmina con la cappella del Paradiso collocata sulla sommità della collina.

La mattinata del secondo giorno è dedicata alla visita dei Castelli del Monferrato.
Il Castello di Gabiano, citato nelle fonti già dal VIII secolo, ospita oggi un’azienda vitivinicola. Il Castello di Giarole, di proprietà della famiglia Sannazzaro che lo fondò 900 anni fa, è circondato da un grande parco con un giardino di impianto ottocentesco.
Nel pomeriggio si visiterà Casale Monferrato, città di riferimento del Basso Monferrato.
Capitale dei Paleologi prima e dominio dei Gonzaga poi, il centro urbano conserva monumenti dal notevole valore artistico e culturale che raccontano la storia della città e del territorio.
Il tour prevede la visita al Duomo, risalente all’VIII secolo e dedicato a Sant’Evasio, patrono della città, la visita alla chiese di San Michele, di San Domenico e alla Sinagoga, uno dei più notevoli esempi di sinagoga barocca piemontese.
Si proseguirà con la visita a Palazzo Gozzani Treville, progettato nei primi decenni del XVIII da Giovanni Battista Scapitta.

La mattina del terzo giorno sarà dedicata alla visita centro storico di Ozzano Monferrato con casa Bonaria, raro esempio perfettamente conservato di architettura civile abitativa risalente al XV secolo e la chiesa di San Salvatore con i suoi affreschi quattrocenteschi.
Il pomeriggio sarà dedicato all’archeologia industriale, con la visita alla Valle dei Templi di Ozzano Monferrato, testimonianza dell’industria del cemento che a partire dall’ottocento interessò il Monferrato casalese.
Attraverso gli edifici superstiti è possibile ripercorrere la storia di questa industrializzazione, legata alla presenza dei giacimenti di marna nelle colline monferrine, dei suoi progressi e di come abbia caratterizzato il paesaggio del territorio.
Si visiterà poi il Museo etnografico di Coniolo nel quale sono conservate testimonianze dell’attività estrattiva del cemento e del lavoro nelle miniere.

Primo giorno:

Partenza:
Cella Monte ore 09.30.
Visita ad un Infernot e alMuseo della Pietra da Cantoni.
Seconda tappa:
Varengo, ore 11.00.
Visita alla chiesa di Sant’Eusebio,notevole esempio dell’architettura del XVIII secolo e punto panoramico
Pranzo:
ore 12.30 con piatti tipici della tradizione monferrina
Pomeriggio:
dalle 14.30 visita al Santuario di Crea e al parco naturale.
Conclusione del tour:
ore 18.00
Cena e pernottamento

Secondo giorno:

Partenza:
Gabiano ore 09.30. Visita al castello.
Seconda tappa:
Giarole ore 11.00. Visita al castello
Pranzo:
ore 12.30 con piatti tipici della tradizione monferrina
Pomeriggio:
dalle 14.30 visita alla città di Casale Monferrato
Conclusione del tour: 
ore 18.00
Cena e pernottamento

Terzo giorno:

Partenza:
Ozzano Monferrato ore 10.00. Visita al borgo medievale e alle Chiesa di San Salvatore.
Pranzo:
ore 12.30 con piatti tipici della tradizione monferrina
Pomeriggio:
dalle 14.30 visita dedicata all’archeologia industriale tra Ozzano e Coniolo.
Conclusione del tour:
ore 18.00

Posso venire coi miei figli?
Certo! Il tour non presenta alcun impedimento alla partecipazione dei bambini.

È prevista copertura assicurativa contro gli infortuni?
Si, l'assicurazione di Trame di Monferrato copre gli eventuali infortuni riportati durante l'itinerario.

Che tipo di abbigliamento è meglio indossare?
Il tour non richiede particolari accorgimenti per quanto riguarda l’abbagliamento, tuttavia vi consigliamo di vestirvi comodi e soprattutto di indossare scarpe adatte a camminare.

Quali sono le condizioni di cancellazione di viaggio?
È possibile disdire la propria prenotazione entro 48 ore dalla data del tour, entro le 48 ore non è possibile avere il rimborso della spesa già effettuata.

Cosa succede in caso di arrivo in ritardo rispetto all'orario di partenza?
Non c'è una regola ma vi chiediamo di arrivare con circa 15 minuti di anticipo. Qualora ci fossero ritardi, faremo il possibile per aspettare i ritardatari ma non possiamo andare oltre i 5/10 minuti di attesa. I tour mancati per ritardo superiore a questo lasso di tempo non saranno rimborsati.

E se piove?
In caso di cattive condizioni meteo si prevede il rimborso del costo del tour oppure - qualora preferiate - si posticipa la prenotazione a un altro giorno in base alle vostre esigenze. Stesso tour, giorno diverso, in attesa che torni in sole. In caso di pioggia leggera, il tour è garantito.